un film di  Carlo Concina  Cristina Maurelli

fotografia Diego Capelli Carlo Concina Matteo Fontana

musiche originali e suono Francesco Pederzani

missaggio del suono Alessandra Modugno

una produzione: Eidonfilm

realizzata con il contributo di

Cisproject - Leggere Libera-Mente

con  Agostino B.  Alessandro M.  Alfonso C.  Alfredo V.  Antonino D.  Antonio P.  Antonio R.  Boris Z. Bruno A. 

Bruno D.  Bruno F.  Carlo B.  Christian V.  Claudio B.

Daniele R. Davide D.  Dino D.  Erjugen M.  Eugenio M.

Fabrizio F.  Filippo C.  Filippo M.  Franco C.  Hugo B. 

Gabriele F.  Gaetano C.  Gaudenzio D.  Gimmy T. 

Giuseppe C.  Giuseppe F.  Marco I.  Marco S.  Marian C.

Mario M.  Mario P.  Massimo M.  Matteo C.  Maurizio F.

Maurizio G.  Michele B.  Mone K. Nicola T.  Orazio G. 

Ovidiu T.  Paolo C.  Pierdavide M.  Remo R.  Salvatore C.

Simone C.  Stefano C.

e con Silvana Ceruti  Paola Maffeis  Paolo Romagnoli 

Barbara Rossi

e l’intervento di  Duccio Demetrio  Amerigo Fusco 

Roberto Ghidoni   Margherita Lazzati  Vito Mancuso

Giacinto Siciliano  Maria Visentini

durata: 69’

formato: 16:9

Anno di produzione: 2013

eidon_-_chi_siamo.html

Muri, sbarre, chiavi. Il carcere è un posto di frontiera.

Ma lettura e scrittura possono aiutare a ritrovare un senso, a dare valore a giorni sempre uguali.

Le poesie dei detenuti, i loro scritti, le loro pagine preferite ci accompagnano in un viaggio all’interno del carcere alla ricerca del significato della parola Libertà.

Il film è girato nel carcere di massima sicurezza di Milano-Opera, dove scrittori e artisti vengono invitati “dentro” per creare un ponte con il “fuori”.

Ed è proprio in questo spazio di confine che la nostra umanità ha una seconda chance, ritrovando nel linguaggio poetico e letterario un punto di incontro e di riscatto.

E al di là del dolore, della desolazione e a volte della violenza, è possibile una nuova alfabetizzazione emotiva che prova a ricollocare se stessi dentro un diverso destino.